RaffadaliNotizie

Famiglie in difficoltà, il Comune scende in campo: creato un conto corrente per le donazioni

Sarà inoltre possibile lasciare un buono spesa pagato in uno dei diversi supermercati cittadini

(foto ARCHIVIO)

Coronavirus e famiglie in difficoltà, a Raffadali il Comune crea un fondo ad hoc per fronteggiare il bisogno. Ad annunciarlo, il sindaco Silvio Cuffaro. "Siamo riusciti a creare, come in tanti ci hanno consigliato - dice - un fondo dedicato per l’emergenza Covid 19, funzionale al sostegno di quelle famiglie che vivevano di lavoro occasionale e che adesso hanno difficoltà a fare quella che per molti è una banale spesa settimanale". 

L’iban a cui fare il versamento è: IT17H0760116600000011978921, intestato al Comune di Raffadali - Servizio di Tesoreria. Causale: "Donazione famiglie bisognore emergenza Covid 19".

Ma non solo. L'Ente ha attivato un altro servizio, attraverso un sistema di buoni spesa. I cittadini potranno, in sostanza, regalarne uno della cifra che si preferisce. "Basterà, al momento del pagamento al vostro supermercato di fiducia - dice Cuffaro - che state lasciando un contributo per il sostegno di queste famiglie bisognose e comunicandolo contestualmente all’assessore al ramo (gli interessati possono chiedere contatto dell’assessore nel mio messanger privato). I piccoli sacrifici di molti diventano grande serenità per chi non può permettersi nulla al momento, neanche di sfamare la propria famiglia".

Il Comune inoltre sta coordinando un'attività che vede il coinvolgimento dei numerosi cittadini raffadalesi in servizio al San Giovanni di Dio, attraverso i quali gli utenti potranno (con opportuna delega) provvedere a ritirare i farmaci presso l'azienda ospedaliera, in modo da evitare appunto inutili e potenzialmente rischiosi contatti con la struttura sanitaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto in città continuano i controlli a tappeto per individuare, anche attraverso l'uso di termoscanner portatili, se tra coloro che circolano per strada vi siano o meno soggetti con la febbre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento