RaffadaliNotizie

Il Mizzica Film Festival passerà in estate da Raffadali

Si tratta di un festival itinerante, piuttosto originale, che vuole rappresentare una festa, un evento che possa essere motivo di confronto e di scambio culturale e tecnico tra film-maker.

Riky Ragusa

Farà tappa anche a Raffadali, il prossimo 26 luglio, il Mizzica Film Festival che si propone di ricercare, valorizzare e promuovere prodotti audiovisivi e cinematografici.

Si tratta di un festival itinerante, piuttosto originale, che vuole rappresentare una festa, un evento che possa essere motivo di confronto e di scambio culturale e tecnico tra film-maker.

Il festival è suddiviso in tre sezioni, dal tema libero: cortometraggi (durata massima 20 minuti), videoclip (durata massima 7 minuti) e documentari (durata massima 40 minuti).

A curare la logistica e l’organizzazione della tappa raffadalese del festival sarà l’artista e chitarrista raffadalese, Riky Ragusa che ben si confà allo spirito e ai principi ispiratori del festival stesso.

“La tappa raffadalese del MizzicaFilm Festival – ci ha detto Riky Ragusa – sarà ospitata in una location del tutto inusuale.

Si tratta di un’antica area agricola dove tanti anni addietro si pestava il grano all’aperto e che io ho trasformato in una sorta di teatro all’aperto, molto grezzo e, volutamente, abbastanza spartano.

Nell’imminenza della manifestazione doteremo il sito di sedie, teloni e tutto quanto necessario alla riuscita dell’evento.

Il teatro si trova a pochi chilometri da Raffadali, lungo la strada che conduce a Siculiana ed è stato battezzato “Don Michè”, perché si tratta di un terreno appartenuto a un mio parente, don Michele, appunto.

La tappa del MizzicaFilm Festival – ci ha spiegato ancora Ragusa – sarà uno degli eventi che, è mia intenzione, cercheremo di organizzare in questa area teatro.

Si tratta di un progetto artistico-agricolo, assolutamente innovativo che spero incontri il favore di quanti vorranno condividere i principi che ispirano la nostra proposta.

Ci saranno degustazioni di prodotti tipici della nostra terra e cercheremo di valorizzare le antiche sementi, dando particolarmente spazio a quelle antitumorali, il tutto inserito in un più ampio discorso di cultura dell’alimentazione e riscoperta dei nostri antichi alimenti.

L’area teatro – ha aggiunto Riky Ragusa – sarà anche uno spazio libero riservato ad artisti, gruppi musicali, poeti e quanti vorranno dare sfogo al loro istinto artistico, che non trovano spazi a loro congeniali e che al teatro “Don Michè” potranno sentirsi a casa, perché in sintonia con gente che condivide le stesse passioni e i medesimi interessi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Invito dunque tutti – ha concluso Ragusa – all’evento del 26 luglio, dove anche opere fuori concorso potranno essere proposte dai vari artisti, ma a tutti gli altri eventi che organizzeremo al teatro Don Michè, durante tutta la prossima estate”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento