RaffadaliNotizie

"Rubava corrente elettrica con un magnete", arrestato 56enne

A finire nei guai è stato il responsabile del circo equestre. Il giudice ha già convalidato ed ha rimesso in libertà l'uomo

Avrebbe utilizzato un magnete per rubare energia elettrica. A scoprirlo, e ad arrestarlo, sono stati i carabinieri della stazione di Raffadali. A finire nei guai è stato un cinquantaseienne di Cremona, il responsabile di un circo. L’arresto è stato già convalidato dal giudice del tribunale di Agrigento e l’uomo è tornato in libertà senza alcuna misura cautelare.

Che qualcosa non andasse, negli ultimi giorni, a Raffadali era stato notato dai tecnici dell’Enel. Proprio i tecnici hanno chiesto l’intervento – per effettuare una mirata verifica – dei militari dell’Arma. E il controllo di carabinieri e specialisti dell’Enel ha dato esito positivo: sarebbe stato collocato un magnete per rubare corrente elettrica e per fornire di energia gli impianti del circo equestre. I carabinieri della stazione di Raffadali, coordinati dal comando compagnia di Agrigento, hanno immediatamente sequestrato e il magnete e fatto scattare l’arresto per il cinquantaseienne. L’ipotesi di reato contestata è stata quella di furto di energia elettrica. Non si tratta del primo caso, per l’Agrigentino. Sistematicamente i carabinieri controllano esercizi pubblici come private abitazioni. 

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Tipe da spiaggia: cosa mi metto?

I più letti della settimana

  • L'esplosione del mercato di Gela, c'è una vittima: si aggrava la posizione del commerciante di Grotte

  • "Adesca ragazzina e tenta di avere un rapporto orale", la scatola nera dell'auto per smentire la vittima

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

  • Uccise il giudice Livatino, Pace torna a Palma con un permesso speciale

  • Tagliati 80 alberi d'ulivo, agricoltore nel mirino

  • "Nascondevano una pistola con matricola abrasa e cartucce", arrestati zio e nipote

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento