RaffadaliNotizie

Da Raffadali a Joppolo Giancaxio, in marcia per dire no a tutte le mafie

Definito già il programma della manifestazione che si svolgerá martedì 30 aprile:la marcia partirà attorno alle 9 da Raffadali e dopo circa un'ora arriverà a Joppolo dove è previsto il clou della manifestazione con diverse iniziative e vari interventi

Locandina

“In marcia per ricordare e per dire no alla mafia”: è la manifestazione organizzata per martedì 30 aprile, per il quinto anno consecutivo, dal comune di Joppolo Giancaxio con la collaborazione del comune di Raffadali.

Come sempre i protagonisti della manifestazione saranno ragazzi e giovanissimi delle scuole della provincia di Agrigento. Il raduno è previsto alle 8,30 in piazza Europa a Raffadali, dove ci sarà il saluto del sindaco Silvio Cuffaro.

Quindi si darà il via alla marcia in direzione Joppolo Giancaxio, dove l’arrivo è previsto attorno alle 10,30 in piazza Umberto, dove ci sarà il ricordo delle vittime innocenti di mafia e l’intervento del cantastorie Paolo Zarcone.

Dopo il saluto delle istituzioni (sindaco di Joppolo Giancaxio, Giuseppe Portella, Prefetto e Provveditore agli studi) è previsto l’intervento del presidente regionale dell’ordine dei giornalisti Giulio Francese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle 13, dopo il pranzo a sacco l’avvio dei laboratori artistici e musicali a cura delle scuole partecipanti, presso l’anfiteatro del parco natura “Cento Passi – Pippo Fava”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

  • Lunghe attese al pronto soccorso? Scoppia il tafferuglio, 4 feriti: pure 2 infermieri

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento