RaffadaliNotizie

Mutui agevolati per chi riqualifica immobili del centro storico

Si tratta di mutui ventennali con interessi a totale carico dell'amministrazione regionale, misure che intendono salvaguardare il patrimonio edilizio regionale e restituire decoro ai centri storici cittadini

Centro storico Raffadali

L’amministrazione comunale di Raffadali, tramite il sindaco Silvio Cuffaro, fa sapere che è già possibile presentare istanza di convenzione tra l’amministrazione regionale e gli Istituti di credito, per la concessione di mutui agevolati con ammortamento ventennale e pagamento dei relativi interessi a totale carico dell’amministrazione regionale, nei confronti di proprietari di immobili ad uso residenziale situati nel centro storico che necessitano di interventi di recupero. 

 L’Assessorato Regionale delle infrastrutture e della mobilità emana il presente avviso in coerenza ed attuazione all’art. 33 della legge regionale 14 maggio 2009, n°6 (che per comodità di lettura si riporta nella nota sottostante) con il quale sono state previste agevolazioni economiche per interventi di recupero di immobili localizzati nel territorio regionale con destinazione esclusivamente residenziale ubicati nei centri storici o in zone omogenee “A” o comunque classificati netto storico in favore di proprietari. 

Tali agevolazioni sono conseguibili attraverso la stipula di apposite convenzioni tra l’amministrazione regionale e gli Istituti di credito, per la concessione di mutui con ammortamento ventennale e pagamento dei relativi interessi a totale carico dell’amministrazione regionale.

Si tratta di interventi di restauro o risanamento conservativo: quelli rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso, ne consentano le destinazioni ad uso residenziale.

Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell'edificio, l'inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell'uso, l'eliminazione degli elementi estranei all'organismo edilizio.

E inoltre interventi di ripristino funzionale: tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, la eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti. 

E poi ancora interventi di manutenzione straordinaria: le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico - sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d'uso; e       interventi per l’adeguamento alle norme vigenti ed alle disposizioni antisismiche.

Il sindaco Cuffaro invita i cittadini interessati a prendere visione del bando pubblicato anche sul sito del comune, oltre che su quello della regione o a chiedere informazioni presso l’ufficio tecnico del comune. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • Secondo tampone positivo in meno di 24 ore a Ravanusa: è un focolaio diverso, per l'Asp gli infetti sono 85

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento