RaffadaliNotizie

Mancato rimborso abbonamenti studenti pendolari, il PD chiede spiegazioni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Le famiglie raffadalesi, ormai da anni per garantire il diritto allo studio dei propri figli, sono costrette a sostenere le spese degli abbonamenti per il trasporto scolastico.
Una situazione si è venuta a creare anche a seguito delle difficoltà che spesso gli enti locali incontrano nel poter avere disponibilità nelle loro casse comunali.
Nonostante questo il Comune di Raffadali avrebbe potuto decidere di mantenere l’impegno a sostenere il costo del trasporto scolastico, trovando le somme necessarie.
Come ormai avviene da anni, le famiglie raffadalesi anticipano i costi dell’abbonamento, impossibilitati di fare altre scelte.
Questo avviene per diverse mensilità e nelle famiglie con più di uno studente pendolare, il trasporto scolastico diventa un importante spesa, per il bilancio familiare.
Il Comune di Raffadali ha provveduto negli anni ad un rimborso successivo delle somme anticipate dalle famiglie.
In questi giorni, in particolare, a seguito di avviso da parte del Comune di Raffadali, è stato pubblicato un calendario, che comunicava in base alla lettera del cognome, una data di riscossione delle mensilità di Marzo, Aprile e Maggio 2018.
La sorpresa però si trova una volta arrivati in banca, dove gli operatori allo sportello comunicano che non ci sono disponibilità e tutto questo avviene con la grande beffa a carico dei cittadini raffadalesi, che oltre a non ricevere quanto dovuto per un loro diritto, si trovano spesso costretti a prendersi un permesso o assentarsi dal lavoro.
Il Circolo del Partito Democratico di Raffadali, conclude il segretario Salvatore Gazziano, chiede quali sono i motivi che hanno bloccato i pagamenti ed invita l’amministrazione comunale ad adoperarsi immediatamente per risolvere il problema ed i disagi creati alle famiglie raffadalesi.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento