RaffadaliNotizie

È arrivato il decreto: nove milioni di euro per il recupero del rione Barca

Il Commissario di Governo oltre a comunicare l’avvenuto finanziamento, ha dettato pure i tempi per la realizzazione delle opere di salvaguardia del territorio e i lavori dovranno iniziare al più presto

Rione Barca

Adesso è ufficiale: l’intera area del rione Barca, in pieno centro abitato di Raffadali, a valle di via Porta Agrigento e in parte di via Di Stefano, a grave rischio idrogeologico, potrà essere recuperata e destinata a un uso pubblico in favore di tutta la cittadinanza.

È stato il Commissario di Governo a comunicare al sindaco di Raffadali, Silvio Cuffaro, l’ammissione al finanziamento che ammonta esattamente a 8.982.686,20 euro, destinato appunto a: “Opere per l’eliminazione del rischio idrogeologico a difesa del Rione Barca”.

La decisione era stata della Direzione Generale per la Salvaguardia del Territorio e delle Acque (STA) del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare che ha ammesso a finanziamento altri progetti in Sicilia.

Lo stesso Commissario di Governo nella nota inviata al sindaco Cuffaro invita l’amministrazione comunale: “Al fine di provvedere ad una celere realizzazione dell’intervento dichiarato di pubblica utilità si chiede la nomina immediata di un RUP (Responsabile Unico del Procedimento) che abbia la professionalità necessaria per l’espletamento delle funzioni”.

Quindi dal Governo di Roma mettono fretta e si dovrà nel giro di qualche settimana procedere a tutte le incombenze necessarie a carico del comune.

Si farà quindi molto velocemente, poiché il Commissario di Governo, così come prevede la legge, in questi casi, si è riservato l’onere delle procedure d’appalto.

Di conseguenza, entro l’estate potrebbero addirittura iniziare i lavori che, come dice il sindaco Silvio Cuffaro, cambieranno il volto all’intero paese.

Una grossa soddisfazione per Cuffaro che, nel suo ultimo anno di mandato, vedrà la realizzazione di un progetto che era stato ormai accantonato e che invece grazie alla sua perseveranza è risorto e porterà nove milioni di euro a tutto vantaggio della collettività. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

  • Crolla cornicione di un palazzo: terrore in piazza Cavour, evacuate famiglie e sequestrata l'area

  • Alfa Romeo si schianta contro la rotonda degli Scrittori: un 30enne è in gravi condizioni

  • L'incidente alla rotonda degli Scrittori: ferito portato a Palermo e conducente scomparso

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento