RaffadaliNotizie

Si è spento il vicesindaco di Raffadali, addio al ginecologo Franco La Porta

Aveva da poco compiuto sessant'anni e per oltre trenta ha svolto la professione di medico, lascia la moglie Anna e le figlie Federica e Virginia; il funerale giovedì 16 agosto alle 11,30 in chiesa Madre

Franco La Porta

Ha lottato strenuamente fino all’ultimo contro un male incurabile, contro una sentenza già scritta, che non gli ha tolto però il suo proverbiale sorriso, la sua caratteristica più visibile, anche a chi non lo conosceva nel suo intimo.

Ma è difficile trovare persone che non conoscevano Franco La Porta, una persona di straordinaria affabilità, disponibilità e gentilezza che ne facevano l’amico di tutti, colui al quale, di qualunque estrazione politica, poter chiedere un favore, un consiglio o, semplicemente un’opinione.

La Porta è stato sempre disponibile per tutti in qualsiasi momento, soprattutto per quanto riguarda la sua professione di ginecologo che ha svolto per oltre trent’anni. La politica, dopo la famiglia, era la sua grande passione: è stato consigliere comunale, consigliere provinciale, presidente del consiglio comunale, assessore e vicesindaco fino a oggi, ricoprendo i vari ruoli con la competenza e l’entusiasmo che lo caratterizzavano.

Nel 2012 si candidò alla carica di sindaco ma venne battuto di misura: una delle poche delusioni politiche della sua vita, forse l’unica, che seppe però superare immediatamente trovando nuovi stimoli per il suo impegno politico che era concepito come servizio.

Le doti umane di Franco La Porta sono note a tutti, difficile trovare qualcuno che abbia avuto un litigio o una incomprensione con lui, rispettava tutti e sapeva farsi voler bene da tutti.

Con lui l’amministrazione comunale perde un tassello fondamentale, la città perde uno dei suoi figli migliori, ma soprattutto la sua famiglia: Anna, Federica, Virginia, i suoi fratelli e tutti i suoi parenti perdono una colonna portante della loro vita che difficilmente riusciranno a sostituire.

“Non ci sono parole per descrivere quello che proviamo in questo momento – ha detto a caldo il sindaco Silvio Cuffaro, cercando di interpretare i sentimenti di tutta l’amministrazione, i consiglieri e gli impiegati comunali – Franco non era un semplice amministratore, era molto di più, l’amico di tutti, una persona di straordinaria capacità comunicativa unita a mille altre doti che ne facevano uno dei migliori figli della nostra terra”.        

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento