RaffadaliNotizie

Grande successo a Venezia per l’installazione artistica del Fastuca Fest e per la qualità del pistacchio

All’interno della mostra d’arte, tra centinaia di visitatori internazionali, è stata allestita una postazione di “scacciatrici” di antica memoria, “balata e giammariti” per far provare a tutti il piacere di aprirsi da soli un pistacchio di Raffadali

Il Pistacchio di Raffadali a Venezia

La tredicesima edizione del Premio Arte Laguna Prize - Concorso internazionale dell’arte contemporanea che si svolge a Venezia, ha visto tra i protagonisti il pistacchio di Raffadali nelle sue forme artistiche e gastronomiche. 

Gran parte del merito va all’architetto Laura Galvano che assieme al marito e collega Aldo Li Bianchi, ideatori dell’installazione “Green” dell’ultimo Fastuca Fest, hanno partecipato al concorso veneziano dove l’opera è stata selezionata, tra centinaia di partecipanti internazionali, collocandosi tra i cinque finalisti che hanno potuto esporre all’Arsenale, nella sezione “Arte urbana e design”.

Negli spazi dell’Arsenale di Venezia, dove si svolge la mostra, la delegazione raffadalese, oltre al pannello con la scritta “Pistacchio di Raffadali”, divenuto ormai un’icona, ha portato l’oro verde raffadalese con un tocco di genialità che ha stupito tutti. 

All’interno della mostra d’arte, tra centinaia di visitatori internazionali, è stata allestita una postazione di “scacciatrici” di antica memoria, “balata e giammariti” per far provare a tutti il piacere di aprirsi da soli un pistacchio di Raffadali.

Questa è diventata l’attrazione dell’Arsenale di Venezia dove i visitatori si sono cimentati nell’arduo compito di non distruggere il seme, facendo impazzire letteralmente tutti, e avendo la possibilità di gustare il prodotto e apprezzarne la qualità.

Il pistacchio di Raffadali è stato anche il protagonista della cena di gala, utilizzato per quasi tutti i piatti, svoltasi a fine serata di inaugurazione, dove erano presenti diversi imprenditori, artisti e personalità di rilievo nell’arte della gastronomia, ricevendo grandi apprezzamenti. 

Un successo per tutta la delegazione composta dal Sindaco Silvio Cuffaro, dell’Assessore alle attività produttive Giovanna Vinti, dal Presidente dell’Associazione del Pistacchio di Raffadali Rino Frenda, che assieme agli altri organizzatori del Fastuca Fest: Salvatore Gazziano, Carmelo Bruno e Franco Nocera, hanno creato diversi momenti di valorizzazione, promozione e divulgazione del pistacchio in terra veneta, di fronte a una platea internazionale.

Il Sindaco Cuffaro, a nome di tutta l’amministrazione comunale, e il presidente Rino Frenda, a nome di tutta l’associazione, hanno voluto pubblicamente complimentarsi con i due architetti per il traguardo raggiunto, e ringraziarli per aver partecipato al prestigioso concorso veneziano che di conseguenza ha dato lustro e risonanza internazionale alla città di Raffadali, al Fastuca Fest e al nostro pistacchio. “Questo successo è la chiara dimostrazione come il mondo dell’arte sia ormai la base per la promozione del territorio e dei propri prodotti". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

  • Crolla cornicione di un palazzo: terrore in piazza Cavour, evacuate famiglie e sequestrata l'area

  • Alfa Romeo si schianta contro la rotonda degli Scrittori: un 30enne è in gravi condizioni

  • L'incidente alla rotonda degli Scrittori: ferito portato a Palermo e conducente scomparso

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento