RaffadaliNotizie

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Cuffaro dopo l'audizione in Antimafia: "Il Burundi mi ha ridato speranza"

L'ex governatore: "Sto addirittura tentando di portare delle viti per riuscire a fare del vino. E' un popolo che ha grande voglia di imparare"

 

"Tutte le volte che vado in Burundi ristoro la mia testa e il mio animo. Vado in un Paese dove c'è la miseria, dove c'è il dolore, la sofferenza e la povertà. Faccio quello che posso per alleviare povertà e sofferenza e rinfranco la mia anima, ricostruendo dentro la mia testa quel motivo di speranza che molte volte ho perso. Sono grato a quello che riesco a fare per i burundesi, non sono io che ho portato loro speranza. Sono loro che la danno a me". Lo ha detto Salvatore Cuffaro, ex governatore della Regione Sicilia. Cuffaro, originario di Raffadali, ieri, è stato sentito in commissione antimafia Ars nell'ambito di una serie di audizioni sul ciclo dei rifiuti. 

Cuffaro davanti la commissione antimafia Ars: "Il malaffare si annida dove sono stati messi i soldi delle discariche"

"Il progetto è partito da un ospedale. Poi il Governo ci ha chiesto di gestire anche un altro grande ospedale che noi stiamo contribuendo ad attrezzare con tutto quello che loro non hanno. Ma contestualmente a questo, stiamo aiutando la popolazione portando sementi, trattori, spiegando che se seminano il frumento potranno avere da mangiare - ha detto Cuffaro - . Sto addirittura tentando di portare delle viti per riuscire a fare del vino. E' un popolo che ha grande voglia di imparare. Abbiamo portato 4 apparecchi ecografici, tutti utilizzati. Li abbiamo messi negli ospedali, abbiamo fatto un corso di formazione e questi dopo una settimana sono diventati più bravi di noi. Hanno grande voglia di imparare e c'è qualcuno che deve aiutarli". 


 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento